Sapevate che?
Disponiamo di un magazzino di legname di Cipresso nazionale molto ampio, tra i più grandi in Toscana, con spessori 70-80 mm e lunghezze da 2 a 4 metri.
Per informazioni e preventivi (+39) 055 832 60 59 - info@casinilegnami.it

Legname da costruzione e lavoro: Noce

  Noce nazionale
(Juglans regia)
Fam.  Juglandaceae

Nomi comuni:
Noce nazionale
Noce bianco
Noce comune
Aree e habitat di vegetazione
Il noce è una pianta cosmopolita presente in quasi tutti gli ambienti temperati, che dalle aree sud occidentali dell'Asia fu introdotto in Europa tra il V e il VII secolo a.C. e in America nel XVII secolo. E' il rappresentante più conosciuto e più importante dal punto di vista economico per la produzione di mobili, commercialmente noto in Italia come Noce nazionale, la cui diffusione è divenuta spontanea nella pianura padana settentrionale. La regione italiana che ha maggior rilevanza nella produzione di Noce nazionale è la Campania, per via della produzione dei frutti. Le nazioni europee che vantano la maggior produzione di Juglans regia sono la Francia, la Grecia, la Bulgaria, la Serbia e la Romania; la Cina in Asia; la California in America settentrionale e il Cile in America latina. Ultimamente ha trovato buona diffusione anche in Nuova Zelanda e nella parte sud-orientale dell'Australia. Il noce comune (Juglans regia) tollera bene suoli debolmente acidi e calcarei, mentre il noce nero (Juglans nigra) necessita di terreni freschi e leggermente acidi. Il noce è un albero di facile coltivazione, ma il terreno su cui è coltivato deve essere ricco di sostanza organica, anche con buon livello di calcare, ma senza ristagni idrici. Pur essendo una pianta che predilige i climi miti e non molto umidi, è capace di resistere anche a climi decisamente freddi; la zona ideale per la coltivazione di questa specie resta la collina fino a un’altitudine di 800 m s.l.m. La coltivazione è comunque diffusa anche nelle pianure, dove da coltivazioni intensive si ricava il legno grezzo da inviare alle segherie che produrranno tavole di questo pregiato legno.
Caratteristiche dell'albero
Il Noce è un albero vigoroso che può raggiungere i 30 metri di altezza, caratterizzato da un tronco solido, alto, dritto, con portamento maestoso e radici robuste sia fittonanti che espanse superficiali.
Produzione mondiale di noce (tra Noce comune e Noce nero): 7.000.000 q, con la seguente suddivisione: U.S.A.: 50% - Cina: 20% - Francia: 3% - India: 4% - Spagna: 3% - Italia: 3% - Turchia: 3% - Altri paesi: 14%.
Caratteristiche del legno
Il legno di Noce europeo è bruno-grigio con striature quasi nere e generalmente più variabile di colore del noce americano, che è tipicamente di uniforme bruno-porpora scuro. La grana è diritta, talvolta ondulata, con tessitura media. Alburno e durame sono nettamente differenziati: l'alburno è biancastro mentre il durame ha toni grigio-bruni con striature più scure che specialmente nella parte inferiore del tronco formano dei disegni ricercatissimi dai costruttori di mobili. Il legno si lavora molto bene, è duro, non molto pieghevole, si può levigare e rifinire perfettamente e offre una buona durata, ma se posto in ambienti umidi è facile preda di parassiti. Si può essiccare facilmente, purché lentamente, senza eccessivi pericoli di fessurazioni o torsioni. Una volta essiccato è moderatamente stabile in opera.
Impieghi principali
Per la facilità della lavorazione, della finitura e per la bellezza della sua struttura, è un legno ricercato dai costruttori di mobili e di arredamenti in genere. Si ricavano impiallacciature straordinariamente belle dal piede del tronco e dalle radici. Nei secoli è sempre stato usato usato per lavori di ebanisteria. Oggi è usato per mobili e pannellature decorative, principalmente come piallaccio, come massello per la falegnameria fine e per farne bocce e altri articoli torniti. Tra le innumerevoli utilizzazioni, è il legno preferito per le impugnature delle pistole e per i calci dei fucili, soprattutto in Italia.

Si veda anche la sezione generale in aggiornamento:
Legname da costruzione e da lavoro: guida alle specie